Ancora truffe alle Assicurazioni: tre arresti

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Il problema della forte disparità geografica nell’entità del premio assicurativo per l’assicurazione RC porta alcune persone disoneste a tentare diversi modi pur di risparmiare sull’assicurazione stessa. Si tratta, ovviamente, di metodi illeciti, di truffe vere e proprie che, se scoperte come spesso accade, portano i responsabili davanti ad un giudice penale e alla quasi certa condanna. Questa volta a finire nella rete dei Carabinieri, nella fattispecie della Stazione di Filignano, che sono intervenuti a Pozzilli, in Provincia di Isernia, in Molise, tre persone originarie della Provincia di Caserta che avevano attestato falsamente la Residenza nel paese molisano al fine di ottenere le assicurazioni per i veicoli a loro intestati, 12 in tutto, con tariffe decisamente inferiori a quanto, invece, dovuto.

L’indice di sinistrosità della Provincia di Isernia, infatti, è di molto inferiore a quello della Provincia Campana, talché anche i premi assicurativi sono parecchio più bassi. In tutto si stima che l’entità della truffa messa in atto si aggiri intorno ai 100 mila Euro. Per i tre l’accusa è di truffa aggravata e falsa attestazione a Pubblico Ufficiale. I Carabinieri Molisani erano già intervenuti di recente nei confronti di altre 10 persone che avevano messo in atto una truffa analoga verso le assicurazioni ma in quel caso le persone interessate, la cui Residenza fu trasferita in modo fittizio, furono anche accusate di voto di scambio, essendo la manovra avvenuta in periodo elettorale.


Lascia un commento