Assicurare un’auto di 3000 di cilindrata

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


I pochi fortunati che oggigiorno hanno la fortuna di poter acquistare e mantenere un’auto con cilindrata di 3000cc, non sono tantissimi. Il costo iniziale per l’acquisto non è che un piccolo passo, il grosso arriva dopo. Non vi è dubbio che auto di questo genere si possano considerare assolutamente di lusso, per cui, infine, il problema del costo dell’assicurazione difficilmente si pone. Il problema da considerare, piuttosto, è che acquistare un’auto di questo tipo muove immediatamente gli occhi del fisco sulla nostra situazione economica. Per carità, se siamo onesti e trasparenti e non abbiamo nulla da nascondere, allora il fisco può fare tutti i controlli che vuole, non si deve aver timore di nulla, però dobbiamo essere consapevoli di questo e tenerne conto. Nel caso che ci sia qualche scheletrino, conviene tenere un profilo più basso, optando per un’auto al di sotto dei 2500cc.


Chi veramente vuole acquistare un’auto di così alta cilindrata deve mettere in conto anche un costo dell’assicurazione piuttosto importante, sul quale incide certamente di più il tipo di auto e i costi eventuali di riparazione dei danni in caso di sinistro e i danni che potenzialmente può provocare. In fondo, la differenza relativa alla cilindrata, non è cosi rimarchevole tra un 2500 e un 3000, certamente il differenziale tra le due non può essere elemento decisivo per chi ha la possibilità di acquistare un’auto così di lusso. Questo considerando soltanto l’assicurazione RC ma nessuno di sicuro in possesso di tale auto non sottoscriverà anche una polizza furto e incendio e su questo si realizza la vera stangata. L’RC diventa poca cosa rispetto al furto e incendio, poiché si tratta di auto ambite nel mercato delle auto rubate, quindi ad alto rischio per l’assicurazione e ad alto costo in caso il furto avvenga.

Poiché l’andamento dell’assicurazione rispetto alla cilindrata non è di incremento lineare ma è determinato per scaglioni di potenza, ecco che la differenza tra un 2500 e un 3000 non è tanta. La normativa che lega la cilindrata alla potenza fiscale, i cavalli fiscali, è datata e meriterebbe una riconsiderazione in virtù del miglioramento tecnico dei propulsori e della meccanica in generale che aumentando il rendimento complessivo, permette lo sviluppo di potenze notevoli anche contenendo relativamente la cilindrata. Vi è una notevole differenza, ad esempio, tra la potenza reale sviluppata da un 1600 di anni fa e un 1600 attuale, si perla di moti Cavalli di differenza, eppure entrambe, rispetto alla potenza fiscale pagano la medesima tariffa.


Lascia un commento