Assicurazione di un’auto con targa estera

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Un’automobile con targa estera, trattandosi, comunque, di un veicolo a motore, dovrà necessariamente essere dotata di tutta la documentazione assicurativa, secondo quanto previsto dalle disposizioni di leggesulla responsabilità civile verso terzi, riportata dall’articolo 193, del codice della strada. A questa norma, fa seguito un elenco di Stati esteri la cui copertura assicurativa viene considerata in maniera automatica e, per tanto, non necessitano né di controlli da parte delle forze dell’ordine, né tanto meno dell’esposizioni del tagliando assicurativo. Il principio dell’assicurazione automatica, chiamato anche principio di “copertura automatica” o di “presunzione di copertura“, viene applicato a tutti i paesi che appartengono all’Unione Europea e si avvale di un sistema che si basa sull’istituzione, presente in ognuno di queste Stati, di un Bureau, un particolare ufficio di livello nazionale, che si occupa di assicurazioni e che disciplina i risarcimenti dei danni causati da sinistri tra auto straniere ed auto locali.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


 

Leggi anche:  Come assicurare il tuo Mercedes?

Altri sistemi assicurativi per le targhe estere in Italia

Negli Stati in cui il principio della copertura automatica non è valido, è possibile usufruire di altre forme assicurative che tutelino le automobili con targhe estere all’interno del territorio italiano. Uno di questi sistemi è quello della carta verde, uno documento speciale che garantisce una formula assicurativa a carattere internazionale. Allo stesso modo di ciò che accadrebbe con la copertura automatica, anche con la carta verde, in caso di sinistro, l’organo preposto a disciplinare ed a valutare l’entità dei danni è sempre il Bureau. Gli stati che hanno aderito al sistema della carta verde sono: Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Russia, Serbia, Tunisia, Turchia, Ucraina.

 

Cosa fare quando il sistema della copertura automatica e della carta verde non sono validi?

Qualora si volesse circolare in stati esteri in cui né il principio della copertura automatica né il sistema della carta verde sono validi, bisognerà stipulare un contratto assicurativo presso una compagnia autorizzata. Un’altra soluzione potrebbe anche essere quella di stipulare un contratto temporaneo alla frontiera, chiamato anche col nome di carta rosa, la cui durata ha valore dai 15 giorni fino a 6 mesi dalla sottoscrizione.

Leggi anche:  Come fare un preventivo assicurativo con Quixa?

Lascia un commento