Assicurazione per auto fuori Regione: Cosa cambia?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Nell’Italia attuale che viene continuamente richiamata come una e indivisibile, i cittadini sono sottoposti a diverse condizioni, migliori o peggiori in relazione alla Regione in cui risiedono. Secondo il principio della Nazione unica, non vi dovrebbero essere differenze, ad esempio, tra un lombardo e un campano. Invece le differenze esistono, eccome. Basta guardare i parametri per la tassa sulla casa che varia addirittura da Comune a Comune, il costo dell’acqua, della raccolta nettezza urbana, imposizione Irpef e moltissime altre cose. L’Italia sarà anche una e indivisibile ma nella realtà dei fatti è stata divisa in molti pezzi dagli stessi che pomposamente richiamano l’unità. L’auto non fa eccezione a questa logica un po’ perversa, possedere un’auto a Torino o a Palermo, porta il proprietario a pagare cifre diverse per il bollo, che non dipende da alcun altro parametro che la decisione dei politici.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Anche assicurare l’auto in un luogo invece che in un altro ha costi parecchio diversi. A differenza degli altri costi differenziati per parametro geografico, in un malinteso senso di federalismo fiscale, il costo dell’assicurazione segue il principio del rischio. Le statistiche che sono alla base delle considerazioni delle Compagnie assicurative, indicano in sterili numeri la percentuale statistica di rischio di sinistro nei vari luoghi della penisola e in base a questo le assicurazioni calcolano il costo della polizza a parità di altri parametri oggettivi e soggettivi. Le differenze, però, in questo caso non vengono considerate su base regionale ma provinciale. Questo significa che nell’ambito della stessa Regione, per ciascuna delle sue Province, la tariffa assicurativa sarà diversa.

Le differenze, in realtà, non sono mediamente tanto sensibili, per aree grossomodo omogenee: assicurare un’auto a Torino, costa circa 60 Euro all’anno in più che assicurarla a Imperia. Diverso il discorso tra luoghi in cui i sinistri sono statisticamente di un certo numero, più o meno livellati e altre aree in cui il rischio per l’assicurazione è statisticamente molto alto. Per la medesima auto, l’assicurazione a Milano o a Napoli ha costi enormemente diversi. A questo punto a qualcuno potrebbe esplodere il colpo di genio: cerco la Provincia meno cara e assicuro l’auto presso un’assicurazione locale. Non funziona, ovunque si assicuri l’auto, la tariffa viene determinata in base alla Provincia di Residenza, obbligatoriamente per legge. Se si vuole risparmiare l’unica soluzione è trasferire la nostra residenza nella Provincia maggiormente conveniente, nella maggior parte dei

casi piccole Province del nord, ma anche alcune Province del sud, dal punto di vista dei sinistri risultano virtuose e quindi convenienti.

3 Commenti

  1. Scusate,
    ma se un italiano risiede all’estero (ad esempio in germania (EU) o in serbia(NON-EU ma Schengen), e si vuole comprare una macchina o una moto/motorino (qualsiasi mezzo) in italia, .., per tenerla nel luogo dove si ha la casa delle vacanze (ad esempio, a (e.g.TROPEA) in Calabria), ..come si fa’.. ? Non si e’ residenti in quella località’, e quindi non si sa’… – Deve pagare la tassa che paga il TROPEANO calabrese, o quelle che pagherebbero altri italiani con residenza in altre regioni, per tenere un mezzo in quella località (TROPEA) ?

    1. (sempre io che mi autocommento (ASPETTO RISPOSTA !!)) -> Immagino ci debba essere un regolamento per chi risiede all’estero.. ? L’iteressato dovrebbe immatricolarsi il mezzo nel propio paese.. (Germani/serbia…) e poi portarlo GUIDANDO, in ITALIA ??? Sarebbe assurdo, ..perche’ se il mezzo non e’ un automobile, ma un motorino 50, ad esempio, .. portarlo in italia dal nordeuropea significa percorrere un viaggio di 1 settimana con tappe continue (e.g. con un 50ino da Amsterdam in calabria… -…ci metti 2 settimane..)

      Fatemi sapere al più presto riguardo alla situazione, grazie !!!

      1. Ciao Matteo
        Tu in quanto cittadino italiano puoi benissimo comperare il motorino in Italia senza portarlo da un altro paese dove magari risiedi.

Lascia un commento