Assicurazione RCA con penale risarcitoria

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Il codice della strada stabilisce che tutti i veicoli targati siano sottoposti all’obbligo di copertura assicurativa per la responsabilità civile in caso di sinistro. Questa norma è stata introdotta alcuni decenni addietro per garantire a chi subisce dei danni materiali o personali in seguito ad un incidente stradale il giusto risarcimento.

Peraltro il Codice Civile stabilisce che chiunque subisca danni a causa di comportamenti altrui ha diritto ad essere risarcito e il responsabile, se si va in giudizio innanzi ad un giudice non potrà che essere condannato, invariabilmente. Probabilmente questa norma di legge è la più chiara ad inequivocabile del Codice Civile, non può essere interpretata diversamente. Da ciò consegue che se per qualunque motivo una persona non ha un’assicurazione che copra i danni provocati, ne risponderà personalmente. Per questo il Codice della Strada prevede l’obbligo assicurativo, per garantire i danni a chi li ha subiti e per non gettare sul lastrico le persone.


In seguito a questa norma moltissime Compagnie assicurative hanno dato vita a coperture assicurative dedicate per la Responsabilità Civile legata all’uso dei veicoli. Pur essendo, in linea generale e nei principi base tutte più o meno equiparabili, in molte polizze si trovano delle clausole limitative a cui occorre prestare attenzione per non trovarsi con sgradite sorprese in alcune circostanze specifiche. Una di queste norme è rappresentata dalla clausola risarcitoria che, in pratica, prevede che in alcune situazioni predeterminate e che devono essere chiaramente indicate sul contratto di assicurazione, l’assicurazione provvede al risarcimento dei danni come previsto dalla legge ma poi si rivale sull’assicurato il quale è tenuto a risarcire l’assicurazione dell’esborso relativo al sinistro.

In genere le situazioni che danno il via alla richiesta di risarcimento da parte dell’assicurazione sono la guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze psicotrope, la guida senza valido titolo, l’assenza di revisione del veicolo ma anche, laddove la polizza preveda la guida esclusiva di una persona, la presenza alla guida di persona diversa da quella determinata o altre condizioni che devono essere specificate.

La clausola risarcitoria è facoltativa per l’assicurazione, nel senso che l’assicurazione stessa può applicarla come no. Generalmente le assicurazioni a fronte di situazioni che farebbero scattare la clausola risarcitoria rinunciano a fronte di una penale che può esplicitarsi sotto forma di un risarcimento contenuto, parziale, oppure attraverso un aumento del costo della polizza. Al conducente assicurato non resta, per evitare questi problemi, che mantenersi in regola ed evitare i comportamenti errati che darebbero vita all’azione risarcitoria o l’applicazione di penali da parte dell’assicurazione.


Lascia un commento