Assicurazione Scooter da 200cc di cilindrata

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


La scelta di uno scooter è, oggi, facile ma nello stesso tempo difficile, tanto abbondante è l’offerta delle varie aziende costruttrici e nell’ambito della medesima azienda, i modelli disponibili. Il mercato è un po’ come una giungla in cui orientarsi non è così semplice. Intanto bisogna distinguere tra scooter a ruota bassa o ruota alta. Nel primo caso, l’altezza della ruota piuttosto ridotta consente un maggiore spazio in verticale da sfruttare, ad esempio, per il bauletto. Negli scooter a ruota alta, invece, lo spazio per il bauletto è un po’ sacrificato, in genere quello montabile può contenere un solo casco e null’altro. Il vantaggio, però, è un maggiore confort su strade un po’ dissestate o con fondo in pavé e permette una migliore tenuta di strada. La scelta secondo questo parametro, quindi, dipende dall’uso che se ne deve fare.


Tralasciamo l’aspetto estetico, estremamente soggettivo, per il quale vale il detto che non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace e le Case motociclistiche elaborano in continuazione nuovi stili che si adattano ai gusti rilevati attraverso apposite analisi di mercato. Una ragazza sceglierà facilmente uno scooter con linee più morbide, i ragazzi una linea più aggressiva e grintosa. Un parametro più razionale che deve influire sulla scelta è sicuramente la cilindrata. Tra gli scooter le cilindrate più diffuse sono i 50cc, i 125 e i 150cc Alcuni orientano la scelta su cilindrate ancora maggiori, il 300 o il 350, pochi si spingono fino al 500cc. Tra tutte queste cilindrate, ce n’è un’intermedia che è il 200cc. Questa è una scelta un po’ limitata nel mercato, perché dà una potenza poco superiore alla versione 150, che porta a un maggiore consumo e maggiori costi di gestione senza dare, in realtà, vantaggi sensibili se non, magari, uno scatto migliore al semaforo o una velocità massima leggermente superiore.

In città, avere uno scatto migliore ai semafori, porta a un vero risparmio di tempo? La maggiore velocità massima, in verità non così tanto maggiore rispetto al 150cc, in città viene neutralizzata dal frazionamento del traffico e in percorsi extra urbani fa risparmiare pochi minuti. Tutto questo a fronte di maggiori costi sotto tutti gli aspetti. Per questo motivo la scelta, in genere, ricade sul 150cc o sul 300, se si desidera avere una maggiore potenza disponibile che sia sensibile. L’assicurazione per un 200cc, per chi proprio vuole scegliere uno scooter di questa cilindrata, si pone grosso modo su un livello intermedio tra il 150 e il 300cc, che tradotto in denaro, significa circa 250 Euro all’anno, considerando una persona in età matura che possa vantare una prima classe di merito. Le variazioni di costo sono notevoli tra le varie compagnie. Facendo un confronto reale, per uno scooter di 200cc assicurato in classe 14, si va da preventivi intorno ai 400 Euro all’anno, fino anche oltre ai 1000.


Lascia un commento