Assicurazioni auto usate

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Gli automobilisti oggi non cercano solo di risparmiare sull’acquisto di un’auto scegliendola usata, invece che nuova, ma cercano di risparmiare anche sulla RC Auto. Comprare un’auto usata infatti comporta non solo la scelta, ovviamente, della vettura che più ci è utile stando attenti alla sua manutenzione e alle sue prestazioni, ma comporta anche la stipulazione di un’assicurazione auto. Con un’auto usata infatti si deve fare il passaggio di proprietà del veicolo. In questo modo, il vecchio proprietario può scegliere di sospendere o annullare la sua assicurazione, mentre il nuovo acquirente deve firmarne un’altra con i parametri della vettura. Prima di scegliere l’assicurazione è bene farsi fare più preventivi dalle diverse agenzie, sia quelle online, che la vendono senza intermediari, sia quelle classiche.

Una cosa di cui tenere conto è che comprando un’auto usata si può usufruire del decreto Bersani. La legge n°40 del 2 aprile 2007 ha apportato una grande novità nel mondo delle assicurazioni. Con questo decreto infatti i neopatentati e non potranno usufruire della classe di merito di un parente o propria risparmiando notevolmente sulla RC Auto. Questo decreto, diventato poi legge, si riferisce ad auto nuove o usate, anche seconde o terze auto nel nucleo familiare. Si può così assumere la classe di merito di un parente purchè si trovi nello stesso Stato di Famiglia. Si può anche usufruirne se si acquista la vettura da un parente o stipulando un contratto con un’altra agenzia di assicurazioni diversa da quella del parente. Ovviamente si può ereditare la classe di merito anche da veicolo a veicolo.

Quando si decide di acquistare un’auto usata, prima di ritirarla, ovviamente si deve avere già l’assicurazione della vettura. Per questo serve il libretto o almeno la fotocopia da portare in agenzia o da dare on line ad assicurazioni come Dialogo.


Per chi vuole avere una garanzia sull’auto usata acquistata, si deve rivolgere ad un autosalone. In questo caso infatti la garanzia deve essere di almeno 12 mesi. A definirlo è il decreto legislativo che, entrato in vigore nel 2002, oggi è confluito nel Codice del Consumo. Per l’esattessa si chiama garanzia legale di conformità ed è entrata in vigore il 23 marzo 2002 portando una rivoluzione nel mondo della tutela del consumatore per quanto riguarda l’acquisto di beni di consumo nuovi o usati. Se si compra quindi da un commerciante e non da un libero professionista o da una società, si deve sempre essere informati sulle condizioni del veicolo e sulla copertura guasti. Occorre quindi un certificato che indichi la conformità della vettura rispetto al programma di manutenzione ordinaria. Chi compra da un privato invece non ha tutela legale. La tutela vale anche per le autovetture immatricolate per la prima volta all’estero e poi importate in Italia.

Se invece acquistate la vostra auto usata da un privato avete più possibilità: potete chiedere all’ex proprietario di portarvi la macchina in un box, se ne siete in dotazione, oppure potete fare un’assicurazione temporanea, per poi cercarne una più congeniale o ancora farvi dare o mandare via fax tutti i documenti necessari per assicurare la vostra macchina, così da poter portare le carte alla vostra assicurazione. I documenti necessari sono:

  • Il libretto dell’auto.
  • Attestato di rischio della vettura precedente per poter mantenere la stessa classe di merito guadagnata negli anni passati. L’attestato di rischio vi viene fornito dall’assicurazione tutti gli anni e vi viene inviato per posta. Se non ne foste in possesso, contattate il vostro agente e fatevene mandare una copia.
  • I propri documenti come carta d’identità, codice fiscale, codice IBAN se si vuole fare l’addebito dell’assicurazione direttamente sul proprio conto corrente.
  • Se si fa richiesta della legge Bersani si deve portare anche la classe di merito del parente a cui ci si vuole appoggiare se si sceglie di andare in una differente assicurazione.

Lascia un commento