Assicurazioni, decreto legge sulle liberalizzazioni

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Il decreto legge sulle liberalizzazioni, emanato dal governo Monti, prevede una serie di iniziative destinate a modificare il mercato assicurativo e ad evitare le frodi delle false assicurazioni.

Uno dei provvedimenti più interessanti è quello contenuto nell’articolo 35 che prevede l’obbligo, da parte degli agenti assicurativi, di informare l’assicurato, prima che venga sottoscritta la polizza, sul contenuto del contratto e sulle tariffe di almeno tre compagnie assicurative che non facciano parte dello stesso gruppo. Nel caso in cui l’intermediario non assolvesse a quest’obbligo la compagnia subirà una sanzione compresa tra i 50.000 e i 100.000 euro.

Gli obblighi a cui sono tenute le compagnie non finiscono qui, ogni anno dovranno inviare una relazione all’Istituto di vigilanza delle assicurazioni (Isvap) una relazione contenente tutte le informazioni relative all’assicurato, dall’auto ai sinistri in cui è stato, eventualmente, coinvolto.

L’assicurato avrà diverse possibilità per ottenere degli sconti. Ad esempio potranno fruire di uno sconto coloro i quali si rendono disponibili a sottoporre la propria auto ad una perizia prima di sottoscrivere la polizza assicurativa.
Anche coloro che accetteranno di installare sul proprio veicolo una scatola nera, avranno la possibilità di usufruire di un consistente abbassamento del costo del premio assicurativo. Si tratta di un dispositivo che registra tutti i movimenti del veicolo anche quando si verifica un sinistro in modo da poterne ricostruire la dinamica. Tutte le spese relative alla scatola nera sono a carico della compagnia assicurativa.


Il decreto legislativo sulle liberalizzazioni mira ad affrontate e risolvere un annoso problema che contribuisce agli aumenti delle polizze: le frodi assicurative. In quest’ottica il decreto contiene degli articoli che riscrivono in parte le norme relative al risarcimento diretto. L’assicurato potrà continuare a richiedere il risarcimento diretto, cioè quello erogato dalla sua compagnia assicurativa per tutti i danni subiti dal veicolo, mentre per quanto riguarda i danni alla persona quelli considerati lievi saranno risarciti dalla compagnia di chi ha provocato il danno. In tal modo il governo Monti spera di limitare le azioni fraudolente relative ai danni fisici lievi che rappresentano un terzo delle richieste di risarcimento diretto del danno in Italia.
Inoltre per limitare i costi a carico dell’assicurato Corrado Passera, Ministro per lo sviluppo economico, ha previsto l’eliminazione della possibilità di richiedere il risarcimento del danno subito dal conducente che non ha provocato il sinistro direttamente alla compagnia di assicurazione, da oggi in poi sarà necessario la valutazione dei periti per ottenere il risarcimento del danno subito.

Il decreto legislativo affronta anche un altro importante problema: quello dei tagliandi assicurativi contraffatti e lo fa sostituendo i contrassegni cartacei con contrassegni virtuali. Grazie al formato digitalizzato i contrassegni saranno controllabili a distanza attraverso tutor, telecamere e autovelox appositamente predisposti.
In questo modo l’eventuale illecito potrà essere contestato attraverso immagini fotografiche o filmati che potranno essere presentati anche in un momento successivo rispetto alla contestazione della violazione.
Infine è previsto un cambiamento anche relativamente all’attestato di rischio, il decreto prevede infatti che sull’attestato venga riportato l’eventuale danno risarcito all’assicurato. Inoltre l’attestato non verrà più inviato per posta all’assicurato così come avviene ora, ma viaggerà online direttamente da un’assicurazione all’altra.


Lascia un commento