Assicurazioni robotizzate: utili ma una minaccia per l’occupazione

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Si vanno diffondendo le assicurazioni robotizzate, cioè gestite anche in fase di acquisizione della polizza da robot. Il cliente non parla con una persona ma con un robot che in base ad algoritmi propone la polizza migliore e gestisce il contratto. Il vantaggio per la compagnia assicuratrice è indubbio: il robot non ha cali di concentrazione, non sbaglia, non fa favoritismi e soprattutto non percepisce stipendio, non va in malattia né in ferie…non è una persona. Il costo della sua manutenzione è ridotto, costa in un anno un 30° di una persona.


C’è anche il rovescio della medaglia, però. In Giappone una Compagnia di assicurazioni ha licenziato 34 dipendenti il cui lavoro è sostituito da Robot. Siamo in una società capitalistica, per cui il rendimento e il massimo profitto sono alla base del funzionamento delle imprese ma il capitalismo troppo spinto, disumanizzato non fa bene a nessuno. Questo è stato recentemente riconosciuto anche dal FMI che richiama ad un capitalismo in cui i valori intrinseci siano affiancati da un welfare e un’umanizzazione del sistema. Una stima formulata da esperti sostiene che l’adozione della tecnologia automatica, dei robot potrebbe portare, in Giappone, alla perdita della metà dei posti di lavoro entro il 2035.


Lascia un commento