Bambini affidati ai Nonni: la polizza famiglia risponde dei danni?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


La società moderna vede sempre più spesso, entrambi i genitori impegnati sul lavoro, quando per fortuna c’è, e i bambini affidati all’asilo, a scuola o ai nonni o altri parenti. Si è così rivalutata la funzione di Nonni e zie che fungono da importante supporto per le famiglie. Molte di queste hanno sottoscritto polizze a copertura di eventuali danni a terzi, anche perché si sa che i bambini una ne pensano e cento ne fanno.


Quando i figli non sono con i genitori e ne combinano qualcuna delle loro, l’assicurazione risponde dei danni provocati? Oppure le persone a cui sono affidati devono
avere una loro polizza assicurativa? Affidando i figli a terze persone i genitori continuano ad avere la responsabilità di ciò che avviene, per cui sarebbero tenuti a rispondere dei danni provocati dai
figli. La polizza copre proprio la responsabilità civile dei genitori per gli atti compiuti dai figli, quindi anche se questi sono temporaneamente affidati alle cure altrui, ne deve in ogni caso rispondere. Peraltro questa è anche una questione di buon senso: dal momento che l’assicurazione non limita alle mura domestiche la propria operatività, se così non fosse un bambino che provochi dei danni mentre va a prendere un gelato con il Nonno non dovrebbe essere coperto per i danni arrecati e ciò è completamente fuori da ogni logica e norma di buon senso.


Lascia un commento