Bonus malus, una formula da cambiare

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Quando è stata pensata, la formula Bonus Malus in campo assicurativo di responsabilità Civile per l’auto,
aveva l’obiettivo di essere punitiva nei confronti degli automobilisti indisciplinati portandoli ad un comportamento più responsabile attraverso un premio per la guida virtuosa attraverso un premio inferiore in
caso di assenza di responsabilità in eventuali incidenti o in assenza di questi ultimi. Al contrario, una forte
penalizzazione per tutti gli automobilisti con guida poco prudente o, in ogni caso, responsabili di sinistri stradali.


E’ sotto gli occhi di tutti che in caso di sinistro con colpa il premio aumenta sensibilmente mentre, d’altra parte, in assenza di sinistri, il premio non cala mai: tutta colpa degli aumenti assicurativi che, guarda caso assorbono sempre le riduzioni che dovrebbero premiare la guida virtuosa. E’ evidente che è stato snaturato il principio del Bonus malus con il doppio regime premiante/punitivo, di cui è rimasto solo l’aspetto punitivo. A questo punto, ha ancora senso mantenere in vita questo sistema? Da più parti si sente l’esigenza di una riforma di questo sistema o riportandolo obbligatoriamente per legge al concetto originale o
cambiandolo radicalmente, così è solo uno svilimento dell’impegno dell’automobilista che mette impegno
nell’attenzione alla guida del suo automezzo.


Lascia un commento