Come calcolare il risarcimento dei danni da incidente stradale?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Quando hai un incidente stradale, purtroppo, i danni non sono evitabili. Quando va bene ci sono soltanto danni alle cose ma in molti casi si verificano anche danni alle persone. Si spera sempre che questi ultimi siano meno incisivi possibile ma possono anche arrivare a lasciare nella persona lesa dei postumi, un’invalidità permanente di vario grado. Non è facile la determinazione dei danni: se si tratta solo di danni materiali, devi innanzitutto far fare un preventivo di riparazione presso un carrozziere che provvederà anche a coinvolgere un meccanico per la valutazione dei danni oltre a quelli alla carrozzeria, valutazione che sarà inserita nel preventivo.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Questo va presentato all’assicurazione e sarà valutato da un perito che visiterà la tua auto presso l’officina dove si trova se non la si può spostare. Il perito verificherà i danni denunciati e rilavati dal carrozziere e dal meccanico e calcolerà il risarcimento tenendo conto del costo dei pezzi di ricambio e della manodopera necessaria attraverso specifiche tabelle utilizzate dalle assicurazioni per tale scopo. Per i danni alle persone il discorso è diverso: fino a poco tempo fa il calcolo del risarcimento avveniva riferendosi a tabelle molto variabili tra loro, in base alle risultanze dei referti medici e dalla perizia di un medico legale, nel caso. La variabilità delle tabelle per il risarcimento aveva come conseguenza una difformità di risarcimento per i medesimi danni.

Leggi anche:  Scatola nera e sconto RCA

Gli stessi Giudici dei vari Tribunali cui i danneggiati si rivolgevano in caso di controversia con l’assicurazione sul risarcimento, decidevano a loro discrezione, anche in questo caso con difformità anche sensibili tra le varie sedi giudiziarie. La Corte di Cassazione con una recente sentenza ha riconosciuto questo problema e ha sentenziato per l’adozione di una tabella unica per il calcolo del risarcimento, le tabelle adottate dal Tribunale di Milano che hanno assunto così la denominazione di Tabelle di Milano. La sentenza della Cassazione è stata confermata da un provvedimento del Legislatore che ha determinato l’uso di tali tabelle su tutto il territorio nazionale, superando le difformità.

Lascia un commento