Clausola vessatoria nelle polizze RCA

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Si sta diffondendo tra diverse Compagnie assicurative l’abitudine di inserire nel contratto assicurativo relativo all’RCA una clausola che prevede una penalità per il cliente che invece di accettare il ricorso alla commissione di conciliazione paritetica decide di ricorrere alla Magistratura ordinaria. Secondo questa clausola il cliente che si rivolge alla Magistratura in caso di controversia è sottoposto ad una penalità di 580€. In verità questa clausola prevede anche uno sconto sulla polizza pari al 3,5% del premio. Alcuni clienti si sono opposti a tale clausola e si sono rivolti al Giudice di Pace di Salerno che ha sentenziato la nullità di tale clausola in quanto vessatoria e lesiva del principio costituzionale del diritto di difesa e di equilibrio tra le pari.

Le Compagnie non potranno più applicare una tale clausola penalizzante per i clienti e l’Ivass ha invitato le Compagnie che aderiscono al procedimento di conciliazione paritaria ad informare i clienti di tale procedura. Ovviamente la sentenza del Giudice di Pace vale per il giudizio specifico e non ha valenza automatica in tutti i casi ma l’intervento dell’Ivass può incidere concretamente sul comportamento delle Assicurazioni che, qualora decidessero di perseverare in questo comportamento, incorrerebbero in sanzioni da parte dell’Ivass stesso e in più comunque di ricorsi alla Magistratura da parte dei clienti che verosimilmente vedrebbero accolta la loro istanza.


Lascia un commento