Come assicurare un’auto d’importazione?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


In molti casi risulta conveniente acquistare un’auto all’estero, soprattutto se si tratta di un veicolo usato. I prezzi che si possono trovare sul mercato dell’usato ad esempio francese, sono spesso sensibilmente inferiori a quelli del mercato italiano. L’importazione di un’auto dall’estero in Italia necessita, però, di alcune pratiche burocratiche non complicate, in fondo, ma assolutamente necessarie. Nel caso l’auto sia acquistata in un Paese Ue, è necessario intanto procurarsi il Certificato di Omologazione Comunitaria che attesta le caratteristiche fondamentali di idoneità alla circolazione sulle strade Europee. Questo documento è fondamentale per procedere, una volta in Italia, all’immatricolazione obbligatoria con targa italiana.


Nel caso di importazione da un Paese non comunitario, serve invece il Carnet de Passages en Douane (CPD) rilasciato dall’ACI. Per portare l’auto in Italia, a meno di non provvedere al trasporto con un mezzo idoneo, occorre provvedere ad una copertura assicurativa nel Paese di provenienza, una polizza temporanea. Una volta in Italia, bisogna presentare una domanda di immatricolazione in duplice copia alla motorizzazione civile di competenza territoriale e richiedere una targa temporanea. Con questa si può accendere una polizza che sarà a sua volta limitata nel tempo per quella targa, dopodiché si può procedere con il collaudo e le altre formalità per l’immatricolazione.

Ottenute le targhe definitive, si può provvedere all’assicurazione definitiva, Per scegliere la migliore assicurazione al miglior prezzo ti consiglio di fare più preventivi online attraverso uno dei tanti comparatori che trovi sul web e scegliere quella che maggiormente ti convince in termini di massimali e di costo. Come vedi la procedura non è il massimo della semplicità ma non è nemmeno gravosa, forse è più complicato spiegarla che eseguirla, come in molte altre cose. Occorre solo aver chiaro ciò che devi fare per evitare problemi di importazione e dover tornare in un tempo successivo con perdita economica e di tempo.


Lascia un commento