Come fare la richiesta di liquidazione di una polizza vita scaduta?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Moltissime persone, soprattutto in un momento di difficoltà economica generale come è quello attuale, si pongono l’interrogativo di come potrebbe vivere la propria famiglia, i propri figli se dovesse accadere qualcosa di grave in cui questa persona perderebbe la vita. In questo caso la famiglia perderebbe, insieme al proprio caro, anche la fonte di reddito, sprofondando in una situazione di vita quotidiana difficile, si rischia di avere enormi problemi di povertà, privazioni un calo di qualità della vita pesante che può arrivare ad essere anche drammatico.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Ecco perché in tanti stanno provvedendo a dare alla famiglia almeno un sostegno economico che non attenua il dolore per la grave perdita ma almeno non aggiunge al dolore anche gravi preoccupazioni per la vita quotidiana; questa è la polizza vita che può essere “caso morte” cioè prevede un risarcimento in caso di morte dell’assicurato a favore del beneficiario indicato in polizza, oppure essere di “caso vita” ossia in polizza viene indicato un periodo di validità della polizza alla scadenza della quale, se ancora in vita, il contraente può ottenere la somma maturata e rivalutata. Una terza tipologia è quella mista, che è in sostanza una stessa polizza gestita in maniera separata, cioè una parte del premio va ad alimentare il Caso Morte, l’altra parte il caso vita.

Leggi anche:  Dichiarazione di smarrimento polizza vita

Alla scadenza contrattuale il contraente ancora in vita può avere il risarcimento della parte maturata solo per il caso vita. Ma come si fa ad richiedere il risarcimento, la liquidazione alla scadenza della polizza vita? Parliamo, naturalmente del caso vita. Alla scadenza contrattuale è sufficiente recarsi in un’Agenzia della propria assicurazione per avere il Modulo di Richiesta di Liquidazione compilarlo. A questo deve essere allegata copia di un documento d’identità e il codice fiscale, anche dell’eventuale cointestatario. Qualora il beneficiario sia una persona diversa dal contraente, ad esempio la moglie, un figlio maggiorenne ecc. alla domanda devono essere allegati gli stessi documenti del Beneficiario più uno Stato di Famiglia. L’Assicurazione ha obbligo di risposta entro 10 giorni dalla presentazione della domanda.

Leggi anche:

Leggi anche:  Le assicurazioni vita

Lascia un commento