Hai preso la patente: e adesso?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Conseguire la patente di guida è certamente un traguardo ambito soprattutto dai giovani che con questo acquisiscono ancora maggiore autonomia, autosufficienza e libertà. Ora, però, si pone il problema dell’auto. Molto probabilmente in famiglia già c’è un’auto disponibile, forse due ma non è detto che il neo patentato la possa guidare. Il Codice della Strada, infatti, impone alcune restrizioni per chi ha appena conseguito la patente, ancora di più se giovanissimi. L’articolo 117 del Codice della Strada stabilisce che un neo patentato non possa mettersi al volante di una vettura con una Potenza Specifica superiore a 55 Kw. Tale potenza è indicata, per le vetture immatricolate dopo il 2007 in maniera evidente sul libretto di circolazione e si deve prestare parecchia attenzione al rispetto di questa restrizione che ha una durata di 12 mesi dal conseguimento della patente. Non esiste un vincolo di cilindrata anche perché spesso le vetture moderne, grazie al progresso tecnico, pur con una cilindrata limitata esprimono parecchia potenza, il contrario per quelle più datate che pur con cilindrate superiori hanno una potenza inferiore.

Un’altra limitazione riguarda la velocità che non può essere superiore a 90 Km/h su strade extraurbane, 100 in autostrada. Le sanzioni nell’inosservanza sono gravose, da 160 a 641 Euro e sospensione della patente da 2 a 8 mesi che si raddoppiano in caso di reiterazione dell’infrazione con la sottrazione di punti sulla patente, fino ad un massimo di 15 punti. Spesso le famiglie, pur con una macchina a disposizione, devono affrontare la spesa di un’auto adeguata e accendere una nuova assicurazione. Per fortuna la Legge Bersani consente di usufruire della più favorevole classe di merito nel nucleo familiare ma certo è sempre una spesa in più.

Lascia un commento