Indagine di Allianz sull’impatto degli accordi di Parigi sul clima

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Allianz, il colosso tedesco delle Assicurazioni, ha avviato un’indagine per quantificare l’impatto economico dell’applicazione dell’accordo di Parigi con il quale le Nazioni mondiali intendono affrontare il problema del surriscaldamento planetario, in particolare in riferimento alle emissioni di CO2 in atmosfera. I principali interessati sono Cina, Stati Uniti e India che, insieme, provocano l’emissione del 50% di CO2, il gas serra principale responsabile del surriscaldamento. L’India ha avviato un importante programma di costruzione di enormi impianti di produzione di energia attraverso fonti rinnovabili e un progetto analogo è in corso in Cina , per un progressivo abbandono dell’uso del carbone.


Le politiche di Trump in USA vanno nel senso opposto, dal momento che il Presidente Americano ha annunciato l’intenzione di non applicare l’accordo di Parigi per ridare slancio all’uso del carbone per produrre energia a minor costo. In Cina è stato anche avviato un programma di incentivi relativamente all’acquisto di veicoli elettrici, auto e scooter soprattutto e già in molte città cinesi si nota un’ampia presenza di veicoli elettrici sulle strade. Oltre all’impatto economico per l’applicazione d ell’accordo di Parigi, interesse di Allianz è anche lo spazio esistente relativo all’assicurazione degli impianti soprattutto fotovoltaici e per la circolazione dei veicoli elettrici, anche tenendo conto che in Cina non è obbligatoria l’assicurazione RC per i veicoli. In questo senso esistono enormi spazi di crescita per il business assicurativo.


Lascia un commento