L’assicurazione per auto fuori Regione

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Assicurare il proprio veicolo è un obbligo assoluto derivante dal dettato del Codice della Strada, unica possibilità di evitare l’assicurazione è tenere l’auto ferma in un luogo privato non soggetto a pubblico passaggio o presso un concessionario in conto vendita; in tutti gli altri casi ogni tipo di veicolo non mosso esclusivamente dalla forza muscolare andrà regolarmente assicurato per la Responsabilità civile (RC). Il costo dell’assicurazione per un veicolo sottoposto all’obbligo di legge alla copertura assicurativa è estremamente variabile , non parliamo di poche decine di Euro ma anche del triplo o quasi, soprattutto in funzione della residenza anagrafica a parità di altri parametri che incidono sul costo dell’assicurazione, come la classe di merito, l’età dell’assicurato, la sua professione eccetera.


Ben lo sanno gli amici campani che detengono il record, con un +71% regionale rispetto alla media nazionale e con tariffe RC di oltre 1000 Euro nelle Province di Caserta e Napoli, mentre per un identico profilo a Pordenone si pagherebbe circa 380 Euro. Si tratta, evidentemente di differenze poco tollerabili, dal momento che un guidatore virtuoso si trova penalizzato solo per il fatto di abitare n una provincia invece che in un’altra. E’ possibile superare questo ostacolo? No, non in modo legale, almeno: alcune persone spostano fittiziamente la Residenza n Province in cui la tariffa assicurativa è favorevole ma questo è un illecito punito dalla legge. Non è possibile, quindi avere un’assicurazione in un’altra Regione? Certo che è possibile, ogni utente ha diritto di scegliere l’assicurazione che desidera, anche estera purché rappresentata in Italia ma nel calcolo della tariffa della polizza verrà sempre calcolato il premio relativamente alla Provincia di Residenza. A proposito di Assicurazioni estere, occorre fare attenzione che tali Assicurazioni siano abilitate ad operare sul territorio italiano e il requisito fondamentale è proprio avere una sede n Italia, regolarmente abilitata all’esercizio.

Molte assicurazioni estere offrono polizze a prezzi stracciati, attirando molti automobilisti ma se non sono abilitate all’esercizio in Italia, l’assicurato, di fatto, non è tale, circola anche in buona fede con un’assicurazione non valida, al pari di chi circola senza assicurazione, esponendosi alle medesime conseguenze: multa molto salata, fermo del veicolo e, effetto secondario da non trascurare, restare a piedi fino alla regolarizzazione della copertura assicurativa valida e pagamento della multa, tutto ben avendo pagato un’assicurazione che, però, non è valida sul territorio nazionale: questo non è certamente risparmio! Esiste una possibilità per risparmiare sull’assicurazione: trasferirsi realmente in una Regione in cui le polizze sono a costo inferiore.


Lascia un commento