L’auto che vola diventa realtà

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Ancora siamo in attesa di veder circolare le auto a guida autonoma, in stato avanzato di messa a punto, con già gli italiani che sono piuttosto restii ad accettare l’idea di un’auto che guida da sola, almeno stando alle statistiche che sostengono che buona parte degli italiani non si affiderebbero mai ad un’auto autonoma e tanti altri che nemmeno la proverebbero. Le Assicurazioni stanno ancora studiando prodotti che si adattino a questa nuova realtà, prodotti che richiederanno anche adeguamenti di legge per la determinazione delle responsabilità legali e già si devono occupare di un’altra realtà che si affaccia prepotentemente: l’auto che vola. Non stiamo parlando di progetti di fantascienza ma di una realtà che vedrà tra circa un anno le prime auto volanti sulle strade e nei cieli. L’auto che vola nasce progettualmente all’ombra della Mole, progettata sia negli interni che esterni dalla torinese Torino Design il cui CEO è Roberto Piatti. La vettura sarà prodotta dall’azienda polacca AeroMobil: si tratta di un’auto due posti, capace di una velocità di 160 Km/h su strada, mossa da un propulsore da 300CV ma che, al bisogno, dispiega le sue ali retrattili e spicca il volo passando a 350 Km/h in aria.

Per il decollo necessita di 600 metri di pista che può anche essere un lungo prato, non necessariamente una pista aerea. L’autonomia in volo sarà di 900 Km e ritornerà a terra ampliando l’anteriore, facendo scendere le ruote grazie a particolari sospensioni. Unico neo il costo, previsto in 1 milione di Euro ma i primi modelli usciranno il prossimo anno dalla fabbrica polacca e le prenotazioni sono già aperte. Per la guida di quest’auto è necessaria la patente di guida ma anche il brevetto di volo. Alle assicurazioni il compito di ragionare su come dare copertura ai rischi di circolazione e volo di questa auto.


Lascia un commento