RC Auto e contrassegno elettronico antitruffa

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Come noto, la polizza RC Auto (RCA) è un contratto assicurativo sulla responsabilità civile obbligatoria per tutti i conducenti di veicoli a motore. Principale “prova” esteriore del pagamento della sottoscrizione di una polizza RC Auto è rappresentata dal contrassegno, esposto sul parabrezza anteriore, e riportante la compagnia assicurativa presso la quale si ha avuto modo di contrarre la polizza, la targa dell’auto, la validità della polizza stessa – con indicazione della giornata di scadenza.

Ebbene, la presenza del contrassegno cartaceo ha alimentato un facile mercato delle truffe: secondo quanto rivela l’Isvap, infatti, solamente nel 2010 sarebbero stati stimati ben 3 milioni di casi di frode assicurativa, con maggiore incidenza nelle regioni del meridione, dove in alcune aree si riscontrano dei premi assicurativi doppi o tripli rispetto alla media nazionale.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Al fine di contenere il fenomeno delle truffe legate all’esibizione del falso contrassegno cartaceo, recenti interventi normativi hanno stimolato la realizzazione di un sistema di contrassegno elettronico Rc Auto, che dovrebbe consentire non solamente l’impossibilità di falsificazione del documento, quanto anche l’integrazione del sistema antifrode digitale (attualmente ancora in fase di ultimazione), generando una banca dati che potrà facilmente tenere in considerazione di tutti dati anagrafici e di “merito” automobilistico (monitorando ad esempio l’evoluzione dei comportamenti pochi virtuosi), a disposizione per le autorità competenti.

Con il certificato elettronico le procedure di controllo e di identificazione del soggetto alla guida risulteranno così maggiormente velocizzate e attendibili. I benefici riguarderanno tutti, comprese le compagnie assicurative, che potranno vedere in rapida diminuzione il numero delle denunce di falsi sinistri, procedendo alla liquidazione con maggiore tranquillità e, si spera, maggiore celerità.

Stando a tutte queste buone intenzioni, rimane ora da comprendere quali siano i tempi di applicazione di tutte le novità in materia di contrassegno elettronico Rc Auto: le procedure applicative potrebbero divenire realtà nel corso dei prossimi due anni, insieme alle altre innovazioni che erano state precedentemente auspicate nel decreto antifrode, che prevede un inasprimento delle sanzioni per i contraffattori, gli utilizzatori di falsi certificati, e i periti che eseguono false stime dei danni provocati da un sinistro.

Nell’auspicio di un rapido processo di applicazione del contrassegno elettronico RCA, auspichiamo veramente che la migrazione al digitale possa essere rapida e senza ulteriori indugi, nella speranza che la migliore efficienza possa contribuire anche a un abbattimento parziale dei premi.

Lascia un commento