Richiesta di attestato di rischio da Allianz Assicurazioni

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Quando si stipula un’assicurazione RCA, esistono due strade fondamentali che si possono seguire, due tipologie di assicurazione concettualmente diverse tra loro: una possibilità è stipulare un contratto secondo la formula Bonus Malus e l’altra è fare un’assicurazione che preveda una franchigia in caso di sinistro.

Ultimamente, negli ultimi anni, si è affacciata anche un’altra possibilità, quella di installare sulla propria vettura una scatola nera, a carico dell’assicurazione, che registra diversi dati relativi all’uso dell’auto in base ai quali l’assicurazione ha modo di verificare il reale rischio relativo ai possibili sinistri e modulare in conseguenza di questo il prezzo della polizza.

Va detto che nel primo caso, la formula Bonus Malus e nel terzo, quello della scatola nera, l’automobilista è incentivato ad adottare una guida maggiormente responsabile e prudente poiché con una cauta ed evitando incidenti si ha il beneficio di una riduzione del costo dell’assicurazione. Peraltro, l’approvazione del Dl concorrenza in commissione Lavoro e il successivo passaggio al Senato di questi ultimi giorni sancisce l’obbligo dell’installazione della scatola nera su tutti i veicoli, cosa che diverrà effettiva solo con i tempi e modalità che saranno determinati con i necessari decreti attuativi da parte del Governo che ha tempo un anno per emanarli.


La formula Bonus Malus, invece, ha come base una scala di classi di merito che si sale in caso di assenza di incidenti, si scende a doppio scalino in caso di sinistro con colpa, totale o parziale. A ciascuno scalino di questa scala corrisponde un costo della polizza, talché se di anno in anno non abbiamo incidenti con colpa, arriveremo gradualmente a pagare il minimo possibile di assicurazione.

Nel caso di cambio di assicurazione, la nuova assicurazione con cui andiamo a stipulare la polizza, ha bisogno di sapere qual è la nostra situazione relativamente agli incidenti con colpa negli ultimi 5 anni e questo viene certificato dall’assicurazione di provenienza attraverso un documento chiamato “Attestato di Rischio” sul quale sono riportati i sinistri con colpa indennizzati negli ultimi 5 anni. In questo modo possiamo mantenere la classe di merito acquisita con il tempo, senza alcuna penalizzazione derivante dal cambio d’assicurazione.

Fino allo scorso anno l’attestato di rischio era costituito da un documento cartaceo che riportava i dati ma, per effetto di legge, ora tale documento è dematerializzato, cioè disponibile solo in forma digitale almeno trenta giorni prima della scadenza assicurativa. Dunque per ottenere via mail questo documento occorre richiederlo alla propria assicurazione, sebbene ciò non sia necessario in quanto questa operazione viene svolta d’ufficio dalla nuova assicurazione che scegliamo.

Allianz Assicurazioni dialoga con i propri clienti via web attraverso un’area clienti a cui bisogna registrarsi per garanzia della privacy. Fatta la registrazione si ottiene un nome utente e una password che sono il mezzo per accedere all’area clienti e poter ottenere informazioni relativamente alla propria polizza e anche rispetto al proprio attestato di rischio.


1 Commento

Lascia un commento