Risarcimento assicurativo in caso di sinistro con revisione scaduta

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


La revisione periodica degli automezzi è un obbligo di legge inevitabile ma andrebbe visto come un atto che ha un’utilità fondamentale per l’automobilista stesso. Attraverso la revisione, infatti, il nostro veicolo viene analizzato sotto vari aspetti che riguardano soprattutto la sicurezza nella circolazione. Vengono testati innanzitutto i freni, un elemento essenziale per viaggiare in sicurezza ma anche le luci, i tergicristalli eccetera. Infine il test analizza anche i fumi di scarico, per tutelare l’ambiente ma anche per dare un’indicazione al proprietario del veicolo di qualche anomalia meccanica che, oltre a incrementare l’inquinamento, potrebbe presagire a danni meccanici più gravi.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Tutte le auto, gli autocaravan, gli autocarri fino a 3,5 T, nonché le moto e i motocicli hanno l’obbligo di essere sottoposto a revisione dopo i primi quattro anni di vita e successivamente ogni due. I costi sono piuttosto contenuti, si aggirano sui 65 Euro nelle officine autorizzate, 45 direttamente alla Motorizzazione Civile, sebbene in quest’ultima si debbano mettere in conto tempi più dilatati e più attesa per l’esecuzione della revisione. Se non si provvede alla revisione periodica nei tempi corretti, si va incontro ad una sanzione pari al minimo a 159Euro con ritiro della Carta di circolazione se si viene “beccati” sulla viabilità ordinaria, con il fermo Amministrativo del veicolo se ricorre il caso in Autostrada.

I problemi non finiscono qui: nel malaugurato caso che si resti coinvolti in un sinistro stradale senza il rinnovo della revisione periodica, sorgono problemi anche con l’assicurazione. La legge prevede che le Compagnie assicuratrici hanno comunque l’obbligo di risarcire i danni e tutte si uniformano al dettato legale, certamente ma la stessa legge consente anche alle stesse assicurazioni di rivalersi, in un secondo tempo, sul proprietario del veicolo senza revisione. In pratica il denaro che l’assicurazione ha erogato a fronte del sinistro, lo dobbiamo, infine, restituire all’assicurazione. Non esiste scappatoia da questo, la legge è chiara e se l’assicurazione ci porta davanti ad un giudice, questi non potrà che dare ragione alla compagnia e condannarci al risarcimento dei danni, più le spese processuali. Tutto quanto detto finora dovrebbe far capire chiaramente che dimenticarsi della revisione può esporci a problemi seri e fastidiosi, evitabili con estrema facilità con pochi Euro, tutelando anche maggiormente la sicurezza nostra e dei nostri familiari e contemporaneamente

fare anche un gran bene all’ambiente portando al minimo possibile le emissioni nocive, le stesse che poi tornano nei polmoni anche dei nostri figli.

Lascia un commento