Risarcimento Rc auto in forma specifica con riduzione del premio

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Sconto fino al 10%.

Una compagnia di assicurazione, in materia di risarcimento del danno Rc auto, può avvalersi della formula del cosiddetto risarcimento in forma specifica. Trattasi in pratica di riparare l’auto danneggiata presso officine convenzionate.

Il tutto però a patto che la compagnia lo comunichi entro il 20 dicembre di ogni anno escludendo il 2014 per il quale il termine è fissato al 30 gennaio prossimo. Questo è quanto, tra l’altro, ha approvato il Governo nell’ambito di un pacchetto di misure a tutela dei contraenti l’Rc auto.

L’impresa che effettua il risarcimento in forma specifica deve in particolare comunicarlo entro i termini previsti all’Ivass, l’Istituto per la Vigilanza sulle assicurazioni. Ma cosa ci guadagna l’assicurato con il risarcimento in forma specifica? Ebbene, per l’assicurato che all’atto della stipula della polizza accetta tale formula ha diritto ad una riduzione del premio pari ad almeno il 5%.


Inoltre, la riduzione balza almeno al 10% in quelle aree dove sono più frequenti le frodi ai danni delle compagnie di assicurazioni. Queste aree, riferisce altresì la Presidenza del Consiglio dei Ministri con una nota, saranno determinate dal MiSE, il Ministero dello Sviluppo Economico, tenendo conto dei seguenti parametri: il numero dei sinistri denunciati, l’ammontare dei rimborsi ed il numero delle frodi che sono state accertate dall’autorità giudiziaria.

Quella del risarcimento in forma specifica è una formula opzionale per la compagnia come per l’assicurato. Questo significa che, a fronte della rinuncia allo sconto sul premio, l’assicurato potrà continuare a sottoscrivere Rc auto e, in caso di sinistro con vettura da riparare, continuare a farsi aggiustare l’auto presso il proprio carrozziere di fiducia, presentare la fattura alla compagnia e farsi liquidare il danno.

Queste nuove misure introdotte dal Governo non piacciono però alle piccole carrozzerie indipendenti che temono che il mercato dell’autoriparazione sia indirettamente controllato dalle compagnie che affideranno i lavori ad un numero ristretto di soggetti.


Lascia un commento