Riscatto della polizza vita di Poste Italiane: Come si fa?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Quasi tutte le compagnie assicuratrici hanno, tra i loro prodotti, la copertura del rischio vita. In realtà, questo rappresenta non solo un mezzo per assicurare ai parenti o alle persone che si desidera debbano beneficiare del capitale previsto in caso di morte dell’assicurato, una provvista economica ma anche una sorta di accantonamento di denaro con interessi che, al termine della scadenza prevista in contratto, va allo stesso assicurato. Detto in altre parole, se si sottoscrive una polizza vita con scadenza ventennale, dopo vent’anni di versamenti il sottoscrittore potrà riscattare la somma versata aumentata degli interessi. Se dovesse sopravvenire la morte dell’assicurato prima della scadenza dei vent’anni, i beneficiari indicati nella polizza potranno richiedere la liquidazione della somma prevista in caso di morte dell’assicurato.

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


La polizza vita diventa, così, non solo un atto d’amore verso chi resta, garantendo almeno un sostegno economico, ma anche un investimento utile per lo stesso sottoscrittore se, si spera, si mantiene in vita per tutta la durata del contratto. Tra le tantissime proposte in questo senso, si annovera anche quella di Poste Italiane che da anni, ormai, è uscita dall’ambito ristretto della Posta collocandosi come Ente più articolato, con aspetti bancari, conto corrente, servizi di investimento eccetera e anche assicurativi, con polizze di vario genere, dalla polizza famiglia alle polizze vita. In ogni caso, sia sui prodotti di varie assicurazioni che, nello specifico, di Poste Vita, gli interessi attualmente sono piuttosto scarsi, dato il Particolare periodo economico internazionale in cui la BCE ha azzerato i tassi, confermato recentemente da Mario Draghi, suo Governatore.

Per le polizze vecchie, gli assicurati sono più fortunati, perché in molte polizze sono previsti interessi minimi che all’epoca erano più che verosimili e che oggi le assicurazioni faticano a mantenere. Per ciò che concerne i sottoscrittori delle polizze vita di Poste Italiane, se è giunto il momento del termine contratto e si desidera riscattare il capitale maturato con interessi, occorre preparare l’originale della polizza, le eventuali appendici e la richiesta di liquidazione della somma e inviare il tutto in raccomandata con ricevuta di ritorno a Poste Vita S.p.A. – Ufficio Portafoglio-Liquidazione P.le Konrad Adenauer 3 00144 Roma. Qualora sia sopravvenuta morte dell’assicurato, i beneficiari dovranno allegare anche certificato di morte del defunto, copia (se esistente) autenticata del testamento, copia del documento e codice fiscale di tutti i beneficiari e, se tra questi vi sia una persona decretata incapace di intendere e volere, l’autorizzazione del giudice tutelare alla riscossione.

Lascia un commento