Sfiducia negli avvocati

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Le nuove norme di legge entrate in vigore recentemente impongono agli avvocati la sottoscrizione di un’assicurazione a copertura della responsabilità civile e infortuni a partire inderogabilmente dall’11 ottobre. Zurich ha elaborato un’analisi curata da Swg riguardante il rapporto che gli italiani hanno con gli avvocati e quanto emerso è interessante. Emerge, infatti, che il 53% degli intervistati è ricorso ai servizi di un avvocato negli ultimi 10 anni, un dato in deciso incremento, mentre il 46%, pur avendone bisogno, ha rinunciato per gli alti costi e per la lentezza della giustizia. Il 64% degli intervistati ha dichiarato di aver avuto bisogno della prestazione di un avvocato almeno una volta nella propria vita.


Da questi dati risulterebbero due ipotesi entrambe verosimili: o gli italiani sono un popolo particolarmente litigioso che non sa comporre civilmente le controversie, oppure in Italia esiste un tale livello di ingiustizie che il ricorso ad un avvocato diviene irrinunciabile o forse sono vere entrambe. In ogni caso dalle interviste è anche emerso che il 26% delle persone che si sono avvalse di un avvocato ha almeno pensato di fargli causa e questo evidenzia quanto la copertura assicurativa sia assolutamente necessaria per gli avvocati. Nella medesima indagine si evidenzia come la fiducia nel prossimo sia crollata negli ultimi 10 anni percentualmente del 40% anche se un lieve miglioramento è apprezzabile nell’ultimo anno. Nel totale solo il 27% ripone fiducia nella categoria degli avvocati contro il 53% verso i commercialisti.


Lascia un commento