Si può assicurare un’auto in una provincia diversa da quella di residenza?

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Contrariamente a quanto si può pensare, assicurare un’auto in un’altra provincia diversa da quella di residenza è possibile. Spesso le compagnie assicurative pongono un divieto di fronte ad un richiesta del genere tirando in ballo la competenza territoriale, ma invece non è così. Infatti, questa è solo una scusa adottata dalle compagnie quando una persona del Sud chiede di assicurare una vettura al Nord, mentre invece hanno l’obbligo di assicurare vetture provenienti da ogni parte d’Italia. A dimostrare l’irregolarità della competenza territoriale è la presenza di numerose compagnie on line che operano lungo tutto il territorio nazionale stipulando contratti assicurativi con vetture di ogni luogo alle migliori condizioni.

 

Conviene avere assicurazione e residenza diverse?


Come abbiamo visto, assicurare un’auto in un’altra provincia diversa da quella di residenza è del tutto possibile e non esiste alcuna competenza territoriale che può impedirlo. E’ invece da chiarire se conviene o meno avere una vettura con assicurazione e residenza diverse ai fini del premio assicurativo. Ebbene, la risposta è no: infatti, quello che conta ai fini di un risparmio effettivo sulla RCA auto è la residenza. Quindi, se l’intestatario della vettura ha residenza a Palermo e stipula un contratto con una compagnia di Milano usufruirà delle condizioni riservate alla provincia di residenza. A questo punto, se lo scopo di chi ha scelto di avere residenza e assicurazione diversa era quello di ottenere una riduzione del premio assicurativo ha fallito, poiché non ha affatto avuto l’effetto desiderato.

 

Assicurazione e residenza diverse non sempre abbassano il premio

Se la scelta di assicurare l’auto in un’altra provincia o regione diversa da quella di residenza è dettata dall’intento di ottenere un risparmio sulla polizza è meglio cambiare prima la residenza. E’ però fondamentale che il cambio effettuato corrisponda a verità ed evitare, come accade in molti casi al Sud, che si tratti invece di residenze presso amici o parenti comunicate con il solo l’obiettivo di far abbassare il premio assicurativo. Questo procedimento non è affatto legale e in caso di controlli si rischiano sanzioni salate e provvedimenti seri.


Lascia un commento