Tutto sulla RCA

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO!


Prima di spiegare e di comprendere appieno cosa si intende per  Responsabilità Civile Auto il cui acronimo è RCA, bisogna prendere atto che questo contratto di assicurazione, che va stipulato con una compagnia di assicurazione, è un documento assolutamente obbligatorio per tutti i guidatori che si accingono a circolare con un veicolo a motore pena multe salatissime, sequestro del veicolo e addirittura nel caso di incidente il pagamento dei danni provocati.

La stipula di una polizza RCA è necessaria, quindi obbligatoria, anche se il veicolo pur non più usato risulta parcheggiato su un luogo o parcheggio pubblico. Dunque la polizza RCA va a coprire non soltanto eventuali danni fisici e materiali che l’assicurato ha causato a terzi o ai trasportati dalla circolazione del veicolo assicurato ma copre anche un veicolo quando è in sosta o senza guidatore. E’ utile far presente che il guidatore del veicolo in caso di sinistro da lui stesso provocato, è esente dal risarcimento danni (anche fisici) e quindi non risulta coperto dalla propria RC Auto. Per aver diritto a che questa copertura sia estesa anche al guidatore è necessario sottoscrivere una specifica polizza chiamata polizza infortuni o infortuni del conducente.


E’ doveroso però spiegare che le polizze auto, ossia il documento che attesta l’effettiva stipulazione del contratto presso la compagnia assicurativa alla quale vi siete affidati, non risarciranno i danni provocati illimitatamente ma solo quelli prestabiliti dal massimale applicato. Per spiegare meglio quanto ora espresso occorre ricordare che nella stipula di un contratto RCA verrà richiesto di sottoscrivere il massimale di polizza ossia quella cifra massima che la propria compagnia risarcirà in caso di incidente e che attualmente il massimale minimo  previsto dalla legge è di 2.500.000 € per i danni alle persone e 500.000€ per i danni alle cose. Inoltre, però valutare se sarebbe più consono firmare polizze con i massimali piuttosto alti, invece che del minimo fissato da legge, in quanto a fronte di un piccolo aumento del premio si è cautelati maggiormente sul piano del risarcimento danni in caso di incidenti con più persone o mezzi coinvolti o anche nel caso di incidenti con feriti gravi.

Bisogna ancora chiarire che nei casi di incidente con colpa, vi sarà da versare  una quota, la cosiddetta franchigia, cioè la cifra che in cambio della copertura l’assicurato si è impegnato a pagare, essendo proprio questa la parte del danno non coperto dall’assicurazione ma proprio a carico dell’assicurato. Spesso più competitive delle polizze tradizionali risultano essere le polizze personalizzate che in alcuni casi sono  più convenienti e consentono un notevole risparmio. La suddetta personalizzazione prevede la valutazione sia di informazioni oggettive riguardanti il veicolo assicurato sia di informazioni più soggettive e quindi personali che riguardano il contraente e che possono rigurdare l’età, gli anni di guida o anche le modalità di impiego del veicolo. Al momento della stipula del contratto assicurativo oltre alla polizza verrà rilasciato un documento chiamato certificato di assicurazione che non solo attesta l’esistenza e la validità della copertura RCA ma anche la durata di quest’ultima. A questo è affiancato il contrassegno, più comunemente chiamato ‘tagliando’ che appunto viene consegnato dalla compagnia per attestare l’esistenza della polizza e che legge vuole sia esposto sulla parte anteriore del veicolo. Inoltre per far si che la validità della copertura RCA si estenda anche all’estero, quindi al di fuori dello stato in cui è stipulata, bisogna dotarsi di un documento denominato carta verde che a volte viene rilasciato automaticamente all’atto della stipula e altre volte risulta essere a pagamento.

Estremamente necessario e fondamentale è il modulo attraverso il quale è possibile effettuare la denuncia del sinistro per l’assicurazione RCA chiamato modulo della constatazione amichevole di incidente. Al fine di non incorrere in inutili noie burocratiche nonché legali, al momento della sottoscrizione della polizza RC Auto, è opportuno sempre verificare la corrispondenza dei dati contenuti nella polizza  con quelli riportati sul libretto, i propri dati personali , eventuali ‘scoperti’ o clausole che potrebbero essere presenti.


Lascia un commento